L’UNESCO ha riconosciuto la Riserva Man and Biosphere di “Collemeluccio-Montedimezzo Alto Molise”

 Riserva Mosaico


Riserva Zonation 2014ok

Nella 26a Sessione dell’International Co-ordinating Council (ICC) del Programma MAB UNESCO, tenutasi a Jönköping (Svezia) dal 10 al 13 Giugno 2014, è stata approvata la proposta di ampliamento e di ridenominazione della Riserva MAB di Collemeluccio-Montedimezzo, in quanto la Riserva ampliata (Collemeluccio-Montedimezzo Alto Molise) soddisfa i requisiti del Programma MAB ed entra a far parte a pieno titolo del Network Mondiale delle Riserve della Biosfera (World Network of Biosphere Reserves - WNBR).

 

A differenza della quasi totalità delle altre aree UNESCO italiane (in ordine di designazione: "Circeo", "Miramare e Golfo di Trieste", "Cilento e

 Vallo di Diano", "Somma-Vesuvio e Miglio d'Oro", "Valle del Ticino", "Arcipelago Toscano", "Selva Pisana", "Area della Biosfera del Monviso" e "Sila"), grazie al processo volontario delle comunità locali si è riusciti a costruire la prima Riserva della Biosfera italiana completamente autonoma da enti parco sia regionali sia nazionali.

Riserve ITA 2014

 

 

 

 

 

Dalla sua designazione nel 1977, la Riserva era costituita da due nuclei forestali disgiunti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato (UTB di Isernia): le Riserve Naturali Orientate di Montedimezzo e Collemeluccio, con una superficie complessiva di 637 ettari. Il progetto di ampliamento risponde alla necessità di adeguarsi ai nuovi criteri previsti dall’UNESCO a partire dal 1995 (concretizzatisi nella Seville Strategy for Biosphere Reserves and Statutory Framwork of the World Network of Biosphere Reserves).

La Riserva ampliata si estende sui territori di sette Comuni: Carovilli, Chiauci, Pescolanciano, Pietrabbondante, Roccasicura, San Pietro Avellana e Vastogirardi per una superficie totale di oltre 25.000 ettari. La presenza di ben 7 Siti di Importanza Comunitaria (SIC - Direttiva Habitat) caratterizzati da 12 habitat, di cui 3 prioritari, di straordinari siti archeologici e di peculiarità silvo-pastorali conferisce all’intero territorio un’ampia e poliedrica valenza nella conservazione e valorizzazione della diversità biologica e del paesaggio culturale.

La Riserva ampliata si caratterizza per essere:

- un luogo di eccellenza in cui testare e applicare idee innovative per lo sviluppo sostenibile che fungano anche da supporto “logistico” per la ricerca, il monitoraggio, l’educazione e la formazione attiva (si pensi, ad esempio, alla presenza di un ecomuseo, di percorsi naturalistici e di aree permanenti di monitoraggio degli ecosistemi);

- un sito in cui unire conoscenza scientifica e governance partecipata per limitare la perdita di biodiversità, migliorare le locali condizioni economiche, sociali e culturali in un quadro di sostenibilità ambientale (l’area rappresenta un esempio di gestione forestale sostenibile, di un insieme di borghi accoglienti abitati da comunità sensibili alla conservazione del paesaggio);

- un’area con una fondamentale funzione di spazi educativi e di modello locale, in cui innovazione e buone pratiche siano condivise a livello globale nella Rete Mondiale delle Riserve della Biosfera.

La governance della Riserva MAB è rappresentata da un Consiglio di Coordinamento composto dai membri del Consorzio ASSO MAB Alto Molise (la Regione Molise, i sette comuni ricadenti nell’area, l’Università degli Studi del Molise, l’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Isernia) con la partecipazione attiva delle comunità locali in Forum tematici. Tra le priorità gestionali vi sono la valorizzazione della biodiversità e del paesaggio culturale, l’incremento del turismo sostenibile, la promozione dei prodotti locali tradizionali che si avvarranno del riconoscimento UNESCO.

Il lungo processo partecipativo e di impegno che ha portato alla realizzazione del progetto di ampliamento ha visto il coinvolgimento e l’alternanza di diverse figure istituzionali, della comunità scientifica e delle comunità locali.

Nella fase finale, che è coincisa con la redazione del formulario e l’attuazione delle delibere istituzionali necessarie, gli attori principali sono stati: l’Assessore Vittorino Facciolla (Regione Molise), il Presidente del Consorzio ASSO MAB Alto Molise Francesco Lombardi (Sindaco di San Pietro Avellana), il gruppo di lavoro formato da ricercatori e dottorandi coordinato da Paolo Di Martino (Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell’Università del Molise), il Capo dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Isernia Domenico De Vincenzi (Corpo Forestale dello Stato).

L’approvazione da parte dell’UNESCO dell’ampliamento della Riserva MAB è un risultato straordinario, ottenuto grazie alla costanza e all’impegno delle amministrazioni locali, di un gruppo di lavoro particolarmente motivato e al costante supporto della Regione Molise. 

Ieri alle ore 17.00 si è tenuta la Conferenza stampa organizzata dalla Regione Molise e dal Consorzio ASSOMAB Alto Molise per la divulgazione del risultato ottenuto.

 

Conferenza Stampa 2014

 

 

Consorzio AssoMaB Alto Molise Ufficio territoriale per la biodiversità - Corpo Forestale dello Stato - ISERNIA Regione Molise Università degli Studi del Molise

 

Copyright © 2016 RISERVA Man And Biosphere Collemeluccio - Montedimezzo ALTO MOLISE. Tutti i diritti riservati.

Visita il sito dal tuo dispositivo Mobile

STYLE YOUR WEB

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

OK